Home

Sfoglia il giornale

 

Maggio

Aprile

 

 

 

giornale delle giudicarie aprile 2014

Traduzioni e Comunicazione

La Federazione della Cooperazione compie 120 anni

 

Il bilancio della Federazione oggi registra un volume di ricavi pari a 22,6 milioni di euro (dato al 31/12/2014) con un utile di esercizio di 310 mila euro. Il numero totale delle società aderenti è di 538 imprese associate, di cui 492 cooperative di primo grado, 19 cooperative di secondo grado e 27 enti. La Federazione ha 183 collaboratori a libro paga di cui il 60% laureati e 125 iscritti ad ordini professionali. Negli ultimi anni la quota di personale femminile ha superato quella maschile, attestandosi a 97 donne e 88 uomini. La Federazione è dal marzo 2015 accreditata Family Audit e nel corso del 2014 ha erogato 120 mila ore di consulenza e servizi alle società associate. In particolare attraverso l’attività di revisione portata avanti dalla Divisione Vigilanza e quella di relazione con i soci per la consulenza avanzata e i servizi operativi. 

Leggi tutto...
 
Enti inutili, consulenze e scandali nelle partecipate

Il vostro Saltaro è perplesso e non poco. Lassù, nell’alto dei cieli, San Prospero, esperto finanziario delle cose di questa terra, sembra ce l’abbia con il nostro Trentino. I Santi in paradiso neanche sanno dove sia il Trentino, piccola terra, un coriandolo, rispetto al mondo. 

Leggi tutto...
 
L’Università di Trento progetta il nuovo Chalet Fiat

I protagonisti sono un albergo in quota – il ristorante e albergo Dosson allo Spinale, meglio noto come Chalet Fiat – la proprietà collettiva delle Regole di Spinale e Manez, l’Università di Trento e l’Accademia della Montagna. L’idea è quella di chiedere l’aiuto degli studenti all’ultimo anno di progettazione nel fornire punti di vista per il rinnovo della struttura ricettiva sullo Spinale.

Leggi tutto...
 
Cordoglio per la perdita di Ettore Zini

Tutta la redazione del Giornale delle Giudicarie e il Consiglio direttivo dell'Associazione vuole esprimere il proprio cordoglio per la morte di Ettore Zini suo prezioso collaboratore e si associa al dolore dei familiari.

 

 
El Paride e l’Oreste sul Doss Trent

Passata l’estate, tornata la normalità nelle nostre menti e nelle nostre famiglie, con l’arrivo delle prime brezze d’autunno, gli amici dei tempi che furono si ritrovano per ripassare i loro ricordi. Uomini antichi di pelle, ma dalla mente lucida, che ormai assistono impotenti ad un mondo che traballa, sbarella senza capo, né coda. Povero mondo, che gira impazzito. Il Paride e l’Oreste sono amici da tempo immemore. 

Leggi tutto...
 
Credere nell’impresa

In questo momento di difficoltà economica occorre riflettere su come le imprese possono esistere e svilupparsi e quale cultura ed ordinamento sociale le sostiene.L’attuale benessere è stato raggiunto grazie ad una grande comunione di intenti ed obbiettivi rivolti, sopratutto nel primo dopoguerra,  alla costruzione di un efficiente sistema economico. Sicuramente il secondo conflitto mondiale, con le sue catastrofi, ha influito sulla disponibilità delle persone appartenenti a tutte le categorie, all’impegno rivolto alla comunità. Risultò evidente che solo il progresso dell’intera collettività, nel contesto delle democrazie avanzate, avrebbe consentito il riscatto sociale di tutti. Nell’ambito delle imprese, motore principale delle opportunità di lavoro, l’impegno di maestranze ed imprenditori è stato una delle basi della crescita  straordinaria di ricchezza vissuta dal nostro paese. 

Leggi tutto...
 
Una nuova azienda subentra nel sito ex-Italpumps

 

Dopo i primi dati buoni sull’occupazione dopo diversi mesi, arriva un’altra buona notizia sul fronte lavoro per la Valle del Chiese, la zona delle Giudicarie che ha maggiormente sofferto gli effetti della crisi. Dopo i casi recenti di Whirlpool, a Trento, e Martinelli, ad Ala, tocca al compendio Italpumps di Storo togliersi di dosso il prefisso di “ex”. Il futuro prossimo si chiama infatti Waris, azienda che opera nel settore delle energie rinnovabili come produttrice di moduli fotovoltaici. Terminati entro un anno i lavori di manutenzione straordinaria da parte di Trentino Sviluppo, che investirà 1,5 milioni di euro per riqualificare l’immobile, a fine 2016 Waris avvierà la produzione, passando dagli attuali 26 dipendenti a 51 occupati ed investendo oltre 1 milione di euro in macchinari ed impianti.

Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 9 di 96