Home Sport Presentazione Tione Calcio A5

Sfoglia il giornale

 

Maggio

Aprile

 

 

 

giornale delle giudicarie aprile 2014

Traduzioni e Comunicazione

Presentazione Tione Calcio A5
Scritto da a.z.   
Martedì 24 Febbraio 2009 16:42

Nel mondo sempre più popolato del calcio a cinque, chi ha disputato un girone d’andata da dieci in pagella è l’Us Tione, brillantemente al comando della serie D d’Eccellenza, anticamera del massimo campionato regionale. I rossoblu del presidente Carlo Antolini sino all’ultimo si contenderanno con le roveretane Olympia e Real, oltre alla quarta incomoda rappresentata dai trentini del Giacca Habitat, il primo posto del girone, l’unico che garantisce l’accesso immediato alla serie C.

Per le classificate dal secondo al quinto posto, invece, le speranze di promozione saranno riposte in un doppio spareggio incrociato che metterà in palio altri due posti nella massima divisione regionale. La compagine tionese è guidata dall’allenatore-giocatore Amos Luchesa, bleggiano classe ‘77 ma che si può considerare un veterano del calcio in palestra in quanto tra i primi a dedicarsi alla disciplina già in giovane età, militando nella società più importante della provincia, il Green Tower di Trento, oltre che nell’Itas e nella New Team. Al fianco di Luchesa scendono in campo nomi noti del calcio giudicariese come Roberto Aldeni, Daniele Chiappani, Mirko Borgonovo, Gianpietro Castellani, Alessandro Rubinelli e il portierone Bruno Frullini, chiamato al duplice ruolo di estremo difensore del Tione calcio a 5 e della squadra di Prima Categoria del sodalizio del capoluogo giudicariese. Accanto a loro tre giovani di buon livello come Roberto Artini ed i fratelli Paolo ed Andrea Rivani.
Il grande inizio di stagione dei tionesi è sintetizzato nelle parole di Amos Luchesa: “Dopo aver fallito di un solo punto i play-off nella scorsa stagione – spiega l’allenatore-giocatore rossoblu – quest’anno abbiamo potuto contare su tre nuovi innesti, ovvero il portiere Frullini, il laterale Chiappani e il pivot Artini; la squadra è di primo livello per la categoria, essendo composta per lo più da gente che gioca al pallone da anni, anche se come sempre accade tutti provengono dal calcio a undici, cosa ben diversa dal calcio a cinque”.
Qual è l’obiettivo della società per questa stagione? “Siamo partiti per centrare i playoff, consapevoli degli avversari di valore presenti nel campionato, come la storica Olympia Rovereto, il Real Rovereto, il Giacca Habitat ed il Calciochiese; ora ci troviamo in vetta, quasi a sorpresa a dir la verità, quindi non possiamo che tentare di centrare il primo posto, anche se non sarà certo facile”.
Quali saranno gli avversari più insidiosi nella vostra cavalcata? “La classifica parla chiaro, le due lagarine saranno quelle che più ci daranno filo da torcere, mentre i cugini del Calciochiese potranno dire la loro in chiave playoff, in quanto molto probabilmente tagliati fuori dalla lotta per il primo posto”.
Chi è il giocatore che più ha inciso nel vostro superlativo girone d’andata? “Non intendo fare un solo nome, ma voglio sottolineare l’apporto fondamentale che ci stanno dando i tre giovani, che stanno facendo molto bene e non possono che continuare a crescere anche in futuro”