Home Sport Ice Master raddoppia

Sfoglia il giornale

 

Maggio

Aprile

 

 

 

giornale delle giudicarie aprile 2014

Traduzioni e Comunicazione

Ice Master raddoppia
Scritto da m.c.   
Giovedì 07 Gennaio 2010 14:31

La trentunesima edizione della competizione ghiacciata - Ice Master raddoppia - Il 16 e 17 gennaio nella piana di Pracul di scena sia la Coppa del mondo di difficoltà che quella di velocità

L’Ice Master World Cup di Daone raddoppia ed è sempre più internazionale. La prestigiosa competizione di arrampicata su ghiaccio trentina avrà quest’anno anche l’organizzazione della prova di Coppa del Mondo di velocità. Nel fine settimana del 16 e 17 gennaio 2010 si annuncia dunque una due giorni di competizioni particolarmente intenso, con la tradizionale prova iridata di difficoltà, che ha fatto conoscere la suggestiva vallata trentina in tutto il mondo, ed appunto la competizione di velocità.

«La notizia – commenta il presidente del Comitato Organizzatore Romolo Ghezzi – è stata accolta con grande entusiasmo da tutto il nostro gruppo di lavoro, composto da tanti e preziosi volontari provenienti da tutte le Valli Giudicarie. Sarà un ulteriore stimolo per cercare di dimostrare le nostre capacità organizzative, tant’è che appena giunta la comunicazione in segreteria il responsabile dei volontari Placido Corradi ha subito radunato la propria squadra, iniziando a progettare le prime varianti sulla tradizionale struttura, seguendo le indicazioni del direttore di percorso, l’ingegner Maurizio Gallo». L’edizione 2010 dell’Ice Master World Cup per l’ultima volta si disputerà sulla struttura che ha ospitato le ultime edizioni della manifestazione, in zona Pracul. Dal prossimo inverno lo stadio del ghiaccio si sposterà di qualche centinaia di metri e troverà nuova collocazione in località Nimes, fra il fiume Chiese e la strada provinciale, dove sarà costruito un impianto permanente, che permetterà anche l’organizzazione di eventi estivi.
Quella del prossimo gennaio sarà un’edizione particolarmente attenta alle evoluzioni tecniche. «Il 9 dicembre – spiega il direttore organizzativo Riccardo Milani – è in programma una riunione tecnica fra il Comitato organizzatore e la Federazione Internazionale, durante la quale saranno prese importanti decisioni in merito alle caratteristiche della nuova struttura e dei percorsi di gara. Questo perché l’arrampicata su ghiaccio è cambiata notevolmente nelle ultime stagioni, privilegiando sempre più la specialità del dry tooling, i passaggi su pannelli di resina e su prese di granito che affiancano i tradizionali tratti su ghiaccio. Nell’occasione avrà voce in capitolo anche un rappresentante degli atleti che illustrerà le novità nel campo dell’attrezzatura. Lo scorso anno infatti il regolamento prevedeva il divieto di utilizzare la parte posteriore del rampone, una innovazione che non è stata gradita da tutti».
La gara di Daone rimane fra le top competition di Coppa del Mondo e nel calendario 2010 sarà esattamente la seconda di quattro prove. L’inaugurazione del circuito sarà affidata alla competizione di Kirov, in Russia, dove si correrà dal 7 al 9 gennaio, quindi il fine settimana successivo toccherà alla gara trentina. Il 22 e 23 gennaio si scalerà a Saas Fee in Svizzera e il primo week-end di febbraio il ring si chiuderà a Busteni, in Romania. L’Uiaa ha poi assegnato i campionati europei under 18 a Saas Grund in Svizzera e il campionato europeo di velocità a Busteni, lo stesso fine settimana della gara di Coppa del Mondo. E i protagonisti annunciati saranno proprio i vincitori dell’ultima edizione della Coppa del Mondo, ovvero la russa Maria Tolokonina che nel 2009 ha centratto la doppia affermazione sia nella disciplina della velocità, sia nella difficoltà, l’austriaco Markus Bendkler  dominatore della Coppa di difficoltà e il russo Pavel Gulyaev re della velocità. Arrampicatori esperti, che dovranno ben guardarsi dai giovani emergenti, prima fra tutte la meranese Angelika Rainer, che nell’ultima edizione ha concluso la Coppa del Mondo di difficoltà addirittura in seconda posizione a pochi punti dalla Tolokonina.