Home

Sfoglia il giornale

 

Maggio

Aprile

 

 

 

giornale delle giudicarie aprile 2014

Traduzioni e Comunicazione

Giornale delle Giudicarie
Più politica estera e di sicurezza nell’Unione Europea
Scritto da Paolo Magagnotti   
Venerdì 13 Marzo 2009 01:09

Già De Gasperi ribadiva l’esigenza di avere una Comunità di Difesa Europea. Oggi è sempre più una necessità
Più politica estera e di sicurezza nell’Unione Europea
L’esigenza di una politica estera e di sicurezza dell’Unione Europea è stata presente nel processo di integrazione europea fin dai suoi primi passi.
Lo Statista trentino Padre d’Europa Alcide De Gasperi ne fu fra i più ferventi promotori.
Egli sostenne fino alla morte la necessità di avere una Comunità Europea di Difesa. Il Trattato che la prevedeva, dopo essere stato firmato nel 1952 dai sei governi che allora formavano la Comunità europea del Carbone e dell’Acciaio, ebbe purtroppo una infelice fine dopo il voto negativo dell’Assemblea Nazionale francese alla fine di agosto del 1954.

Leggi tutto...
 
Ehhh le donne, Croce e delizia!!
Scritto da Administrator   
Venerdì 10 Giugno 2016 06:20

Eh...le donne! Croce e delizia fin dai tempi antichi. Con tutto il rispetto, da Eva in poi, più croci che delizie. Questo sembrava essere il pensiero condiviso dai sodali al bar della Maroca.

Leggi tutto...
 
L’arte naif al Centro Studi Judicaria
Scritto da Administrator   
Giovedì 04 Agosto 2011 23:12

 

Il Centro Studi Judicaria fin dalla sua fondazione ha sempre favorito la possibilità espositiva presso la sede di Viale Dante, 46 a Tione di Trento ed ha espressamente istituito la “sezione Mostre” nel 1995 quando, accogliendo le indicazioni del direttivo presieduto da Basilio Mosca, il Bim del Sarca intese ristrutturare le sale poste nel seminterrato per adibirle a “Sale Expo”.

Leggi tutto...
 
A 70 anni dall’Autonomia un’elezione storica
Scritto da Administrator   
Lunedì 08 Ottobre 2018 00:00

Che non sarà una tornata di elezioni provinciali come le altre nella storia del Trentino ce lo dice il contesto, i segnali.

Il centrosinistra autonomista che chiude la sua stagione fra i litigi, il partito che ha governato negli anni in continuità con una storia di governo democristiana, l’Upt, che perde pezzi e si ridimensiona, il Patt che corre da solo, la Lega con il vento in poppa delle elezioni nazionali e che si fa forte del traino di Salvini.  Ci sono tutte le premesse per un cambio di guardia storico nella 70ennale storia dell’Autonomia trentina, anche se è vero che poi i voti si contano il giorno dopo le elezioni e che, a fronte di un elettorato che mai nella storia italiana è stato più variabile, è difficile per tutti fare sondaggi e previsioni. Parlando dei 70 anni dell’Autonomia, proprio nel novembre del 1948 si svolsero le prime elezioni provinciali (allora regionali, con assegnazione poi dei consiglieri alle rispettive province) dell’era repubblicana, quella dell’Autonomia, dopo lo Statuto del febbraio 1948: in provincia diTrento trionfò la Democrazia Cristiana, con il 57,64% dei voti, secondo il PPTT, Partito popolare trentino tirolese, con il 16,83%.  Tornando al presente, andiamo con i numeri certi: si vota domenica 21 ottobre dalle 6 alle 22. Lo scrutinio avverrà il giorno seguente dalle ore 7.  Sono 707 i candidati consiglieri provinciali, distribuiti in 22 liste a sostegno di 11 candidati presidente. Nel 2013 furono 752, motivati dalla presenza di due liste in più e dal fatto che solo 10 liste si presentano oggi al completo, ossia con i 34 candidati massimi previsti dalla legge. Per la prima volta si vota con la normativa elettorale emendata dalla legge 4 del 2018; dunque abbiamo metà candidate donne e la loro presenza in lista è alternata a quella degli uomini. Oltre a ciò si potranno esprimere solo due preferenze, di due generi diversi, mentre prima delle modifiche normative erano massimo tre e senza vincoli di genere. Qualora venissero espresse due preferenze dello stesso genere, la seconda verrebbe annullata.

 
Impianto sciistico di Bolbeno: tante novità. La nuova stagione invernale è alle porte e alle Coste fervono i preparativi
Scritto da Administrator   
Giovedì 29 Novembre 2012 13:12

 

Si preannuncia l’ennesima stagione ricca di novità per l’impianto sciistico più “miracoloso” del Trentino, gestito da oltre cinquant’anni dalla Pro Loco di Bolbeno. Grazie agli sforzi dell’Amministrazione comunale di Bolbeno, appoggiata da Comunità di Valle e Provincia Autonoma di Trento, anche quest’anno la ski-area presenta infatti interessanti novità che mirano, come sempre, ad un continuo e costante miglioramento del servizio offerto.

Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 9 di 134